Turnoverteam top bar



inserita il 03/06/2010 12.00
Un diluvio sulla Zen Air
Solo il Bosca sul lungo, tutti gli altri sul percorso corto

Bosca sul lungo "Vento, acqua e in più el piove", questi gli ingredienti preparati dalla seconda edizione della granfondo Zen, corsa lo scorso sabato in condizioni meteo decisamente avverse. Due i tracciati proposti, uno di 82 e l’laltro di 120 chilometri, ugualmente bersagliati dalle bizze del meteo.

Scegliere uno o l’altro equivaleva a decidere quanto stare in ammollo, e solo il nostro Simone Boscaini si gioca "la vasca lunga" cimentandosi nella lunga distanza. Sempre di livello il suo risultato con un nono posto assoluto, che gli vale pure il quinto per la categoria Senior.

Sono sei invece le casacche bianco rosso blu a sceglire il percorso corto, guarda caso sei come i componenti di una squadra di pallanuoto, e a questo punto pensare che sotto il casco indossassero cuffia e costume ci stà tutto come pensiero.

A traghettare tutti all’arrivo ci pensa il Beppe Dinic, che risulta il primo piazzato dei nostri, e che anticipa di quasi quindici minuti Paolo Casagrande. Paolo fa da faro guida a Davide Giardino, che coglie così la terza piazza Turnover.

Nicola Zambon e Mirko Sartori imitano i fratelli Abbagnale, arrivando praticamente sulla stessa canoa, visto che i loro tempi sono distanti un secondo uno dall’altro, mentre la figura del timoniere viene vestita di Francesco Signorini che chiude la fila dei nostri arrivi. Francesco, però, accusa un ritardo dovuto all'assistenza dell'amico del team Giancarlo Bombieri, caduto violentemente in una curva nella prima metà del tracciato.

A questo punto, non rimane altro che dire "dall’acquario di sant’Ambrogio è tutto, a voi studio".

Commenti a questo articolo

Inserisci il tuo commento:
Il tuo nome:
Il tuo indirizzo Email:
Scrivi qui il tuo commento:
Domanda contro le intrusioni:
Ecco la domanda
La tua risposta:
 


RSS News | copyright | privacy | Turnoverteam.it | credits