Turnoverteam top bar



inserita il 13/09/2011 12.00
Tra i più forti cento in Italia Orlandi in Val di Fassa
A seguire i tenaci Tenuti e Signorini sempre sul proibitivo percorso Marathon

Orlandi sull'ultima discesa della Valdifassa Bike 2011Trasferta di spessore per alcuni nostri compagni di squadra affezionati alla montagna: domenica 11 settembre è andata in scena la Valdifassa Bike 2011, con partenza ed arrivo a Moena (TN), la fata delle Dolomiti. Si trattava della quarta edizione di questa gara, che fino al 2007 era denominata la Rampilonga, senza dubbio la gara di maggiore richiamo nel mese di settembre per la mountain bike italiana. Circondati da un paesaggio stucchevole, erano Orlandi, Tenuti e Signorini ad affrontare tutti il percorso più impegnativo previsto, ossia il Marathon di "soli" 65 chilometri, ma quasi 2800 metri di dislivello, da farsi tutti o quasi col rapportino.

Se per Paolo non c'era alcun dubbio sulla riuscita dell'impresa, considerata la preparazione atletica ed il fatto di aver provato diligentemente quasi tutto il percorso durante la pausa estiva, qualche riserva c'era per il Marcante e Franceschino, un po' meno preparati sulla lunga distanza. Ciononostante i secondi sceglievano di correre la gara assieme e così affrontavano le salite fianco a fianco, gestendosi reciprocamente. E' così che lo scollinamento alla prima salita, la più suggestiva, il GPM di Le Cune a 2200 metri sul livello del mare, poco sopra l'Alpe Lusia, li vedeva ancora pimpanti e ben motivati, solo che per il Marcante l'impossibilità di usare il padellino da 22 denti e per Franceschino una gamba che andava infiaccandosi volevano dire cominciare a soffrire sulla successiva salita delle Pociace e sempre più sul Tamion.

Nel frattempo l'Orlando tornava a Moena al controllo intermedio con un vantaggio di circa 40 minuti sui compagni inseguitori, dove c'erano alcuni accompagnatori a salutarli e a fare il tifo. Ai piedi della quarta e ultima salita, Tenuti riceveva il via libera da Signorini, dopo essersi sincerato della tenuta psicologica dello "spilungone di Mizzago", ed andava a scalare Malga Panna e Malga Peniola ad un ritmo lievemente superiore.

Paolo chiudeva splendidamente in 94esima posizione assoluta in 4h09'35", Marco 321esimo assoluto a più di un'ora mettendo in saccoccia altre quattro stelle del Prestigio MTB 2011, mentre un provato Francesco portava a termine una bella soddisfazione appena dietro in 351esima posizione in 5h20'33". Con le Marathon in MTB la stagione può dirsi degnamente conclusa per tutti ed ora rimangono solo le ultime gran fondo e qualche cross country meno impegnativo.

Commenti a questo articolo

Inserisci il tuo commento:
Il tuo nome:
Il tuo indirizzo Email:
Scrivi qui il tuo commento:
Domanda contro le intrusioni:
Ecco la domanda
La tua risposta:
 


RSS News | copyright | privacy | Turnoverteam.it | credits